MENU

NEWS

La devozione riparatrice dei "CINQUE PRIMI SABATI DEL MESE"

Meditando i misteri gloriosi, consoliamo il Cuore Immacolato di Maria

Perché devono essere 5 sabati?

 

Gesù rivelo a Suor Lucia il la motivazione per cui i primi sabati devono essere cinque:

 “Figlia mia, il motivo è semplice: sono 5 le specie di offese e bestemmie contro il Cuore Immacolato di Maria:

1-    Le bestemmie contro l’Immacolata Concezione

2-    Contro la sua verginità

3-    Contro la maternità divina, rifiutando allo stesso tempo di riceverla come Madre degli uomini

4-    Quelli che cercano pubblicamente d’infondere nel cuore dei bambini l’indifferenza, il disprezzo e perfino l’odio contro questa Madre Immacolata

5-    Quelli che l’oltraggiano direttamente nelle sue sacre immagini

"Ecco, figlia mia, il motivo per cui il Cuore Immacolato di Maria Mi spinse a chiedere questa piccola riparazione; e in attenzione a questa, muovere la Mia misericordia al perdono di quelle anime che ebbero la disgrazia di offenderla. Quanto a te cerca continuamente, con le tue preghiere e sacrifici, di muovermi a misericordia verso quelle povere anime”.

Una volta fu obbiettato a suor Lucia che esisteva già la devozione dei 15 primi sabati del mese in onore della Madonna e dei 15 misteri del Rosario e che quindi la devozione del Cuore Immacolato di Maria dei primi 5 sabati non era necessaria nel mondo. Gesù gli rispose:

  “E’ vero figlia mia, che molte anime li cominciano ma poche li finiscono, e quelle che li finiscono è col fine di ricevere le grazie che vi sono promesse. E Mi sono più gradite quelle che fanno i 5 con fervore e con il fine di consolare il Cuore della tua Madre del Cielo, che non quelli che hanno fatto i 15, tiepidi e indifferenti…”.

 

MISTERI GLORIOSI

PRIMO MISTERO: Resurrezione di Gesù

La Risurrezione di Gesù è il mistero centrale della nostra fede e ci ricorda che il nostro obiettivo ultimo è la vita eterna, dove per sempre saremo immersi in Dio e gioiremo per sempre insieme a Lui. Vale la pena, allora, compiere con amore la volontà di Dio quaggiù sulla terra, vivere da autentici cristiani, anche se questo comporta spesso delle sofferenze, contrarietà, fatiche e lotte. Ma noi siamo certi e possiamo ripetere, con S. Paolo, che “le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi”. Questo i pastorelli di Fatima lo compresero bene non solo nel momento della morte, ma in tutta la loro vita: il loro sguardo era sempre rivolto al Cielo per attendere da Dio la forza, la grazia e la ricompensa finale.

 

SECONDO MISTERO: Ascensione di Gesù al Cielo

Con l’Ascensione termina la missione terrena di Cristo e comincia quella dei discepoli, cioè quella di ogni cristiano. Il Signore vuole che ciascuno, nel suo ambiente, continui il compito di evangelizzare il mondo, ed è una grande responsabilità perché essere testimoni di Cristo implica molte volte l’andare controcorrente. Anche i santi Francesco e Giacinta hanno testimoniato il loro amore per il Signore e per la Madonna cercando sempre di dare testimonianza e mettere in pratica le richieste della Santa Vergine senza paura delle minacce del sindaco o degli insulti ricevuti dalla gente. Chiediamo ai pastorelli che ci aiutino ogni giorno a vivere con coerenza la nostra fede per portare l’annuncio di Cristo nel mondo sia con la parola che con la vita.

 

TERZO MISTERO: Discesa dello Spirito Santo

Nel giorno di Pentecoste, lo Spirito Santo discese su Maria Santissima e sugli Apostoli e diede loro la grazia e la forza di “andare in tutto il mondo ad annunciare il Vangelo ad ogni creatura”. Il Signore vuole ancora oggi passare per le strade del nostro mondo attraverso il nostro sorriso, il nostro modo di parlare, il nostro atteggiamento ed il nostro vivere in grazia di Dio. Per questo è necessario che permettiamo allo Spirito Santo di lavorarci, di trasformare il nostro “uomo vecchio” nell’uomo nuovo, nella creatura nuova a immagine di Gesù. Se i pastorelli hanno saputo testimoniare Cristo anche nel momento della prova, quando ad agosto sono stati imprigionati nel carcere e minacciati di essere uccisi, è perché lo hanno testimoniato prima nelle piccole cose di ogni giorno; questa loro fermezza era frutto di una perseverante vita di fedeltà al Signore nella semplicità dell’esistenza quotidiana. Chiediamo per intercessione dei santi Francesco e Giacinta di esser anche noi autentici testimoni di Cristo.

 

QUARTO MISTERO: Assunzione di Maria S.s.ma in cielo in anima e corpo

L’Assunzione di Maria Santissima in Cielo rappresenta il trionfo finale della sua vita tutta dedita alla volontà di Dio. Questa è la grandezza di una vita: quando volge al fine, poter dire: “Signore, ho cercato di compiere sempre la tua volontà, non ho avuto altro scopo qui sulla terra”. Così è stato per la Madonna e così è stato anche per i pastorelli di Fatima, che hanno saputo cooperare con Dio lasciando che Egli disponesse liberamente della loro vita, rispondendo con un “sì” incondizionato alle richieste giunte loro tramite la Madonna. Chiediamo proprio a loro che ci aiutino a dire ogni giorno il nostro “sì” al Signore facendoci comprendere che la nostra gioia sta proprio nel compimento della volontà di Dio su di noi.

 

QUINTO MISTERO: Incoronazione di Maria S.s.ma Regine del Cielo e della terra

Maria Santissima è Regina perché lei stessa si è definita “Serva del Signore”, e servire Dio è regnare. Anche Francesco e Giacinta hanno cercato sempre di servire il Signore e di regnare sulle cose di questo mondo facendo in modo che non fossero le cose a regnare su di loro. Non si sono, infatti, lasciati dominare dagli onori, dal privilegio di aver visto la Madonna, dalla voglia di primeggiare, ma hanno dato sempre il primo posto a Dio e alla sua gloria, mantenendosi in un atteggiamento di grande umiltà. Chiediamo a questi bambini che ci aiutino a servire il Signore essendo generosi in famiglia, sul lavoro, nella comunità parrocchiale, per dare così gloria a Dio in tutto quello che facciamo e per ordinare a Lui tutte le cose.

 

 

 

 

in Evidenza

SAN GIOVANNI MARIA VIANNEY
Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti (cfr 1 Cor 1,27).

DOMENICA 2 AGOSTO - XVIII dom. del Tempo ordinario
LUCE SUL MIO CAMMINO - La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

La devozione riparatrice dei "CINQUE PRIMI SABATI DEL MESE"
Meditando i misteri gloriosi, consoliamo il Cuore Immacolato di Maria

CALENDARIO EVENTI

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

L'anima partecipa di Dio compiendo in compagnia di lui l'opera della Santissima Trinità. (San Giovanni della Croce)