MENU

NEWS

Novizi. Chi sono costoro?

Nuovi operai per la Messe del Signore

a cura di padre Davide Gilioli, icms

(estratto dal MARIA DI FATIMA - n°5, Settembre/Ottobre 2020)

 

Ci sono un italiano, un portoghese e un brasiliano in una casa in Toscana e …
no, non è l’inizio di una barzelletta, ma l’inizio di una nuova grande tappa nella vita di questi ragazzi,
che – a partire da settembre – hanno iniziato l’anno del Noviziato fra i Servi del Cuore Immacolato di Maria.
Conosciamoli insieme!

 

INIZIAMO: PRESENTATI E PARLACI UN PO’ DI TE

ALBERTO: Mi chiamo Alberto, ho 31 anni, vengo da Vicenza e da due anni sono in seminario a Roma.

JOAO: Sono João Pedro Riberio Lopes. Originario di Alcobaça, Portogallo, e sono nato nel ’98, secondo di due figli. Da tre anni sono in seminario.

THIAGO: Mi chiamo Thiago Santana, brasiliano, ho 25 anni. Ho studiato management, lavorato… e poi, nel 2017, sono entrato in seminario

 

ESISTONO CENTINAIA E CENTINAIA DI CONGREGAZIONI.
ORA, PERCHÉ I SERVI DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA
?

A: Penso che certe cose non si scelgano. È un po’ come quando un ragazzo conosce la ragazza giusta per lui: non è detto che ne sia andato in cerca, è “arrivata”. Io non sono andato in cerca di un Istituto, è stato Dio a portarmi a conoscere i Servi quando, nel 2016, una ragazza mi ha invitato a venire agli incontri tenuti dai Padri. Lì, ho trovato il mio posto: un gruppo di giovani con cui vivere la mia fede. Era il gruppo giusto, il Movimento giusto per me. L’ho capito quasi subito.

J: In realtà non avevo mai pensato di entrare in una Congregazione Religiosa. Avevo fatto il pre-seminario nella Diocesi di Lisbona (inizialmente volevo fare un’esperienza diocesana), ma con l’aiuto del sacerdote che mi accompagnava, abbiamo visto che non era la mia strada. I Servi sono arrivati quasi all’improvviso, conoscendo p. Alberto al Santuario di Fatima. Con lui è iniziato quel percorso che mi ha portato ad entrare e a scoprire -poco per volta- la bellezza della vita religiosa e del nostro Istituto.

T: Non mi era mai passato per la testa di farmi religioso, nonostante conoscevo e stimavo una Congregazione francescana. Li guardavo e pensavo: è una bella vita, ma non è per me. Conoscendo i Servi, invece, è stato diverso: un carisma semplice, che mi attirava fortemente. Mi colpiva come i sacerdoti si spendessero per i giovani e la loro capacità di portare i giovani vicino a Dio, con una spiritualità molto forte e un grande rispetto per il sacro.

 

QUAL È STATO IL MOMENTO DECISIVO DELLA TUA VOCAZIONE, IL PUNTO DI SVOLTA DOVE HAI DETTO:
“ECCOMI! LASCIO TUTTO E TI SEGUO, SIGNORE”?

A: Solo nel 2014, a 26 anni, mi sono convertito davvero (prima frequentavo, ma in maniera superficiale, non ci credevo veramente) e lì, riscoprendo i sacramenti, ho iniziato quasi fin da subito a interrogarmi su come seguire Gesù più da vicino. Ma avevo un mio progetto di vita, che anteponevo a tutto il resto. Al tempo stesso, però, mi sentivo attratto a donarmi al Signore e c’era una voce in me che diceva: “perché no?”.
Ho iniziato ad ascoltare questa voce, chiedendo al Signore di illuminarmi: partecipavo alla s. Messa quotidiana e recitavo il rosario completo tutti i giorni. Ero alla ricerca di una serenità che -nonostante la conversione- non trovavo. Il momento decisivo è arrivato dopo aver partecipato a Roma ad un’ordinazione sacerdotale (p. Riccardo Rossi e p. Luigi Polvere, ndr), lì ho capito quale era il progetto che il Signore aveva per me, lì ho detto il mio: “Eccomi”.

J: Nel 2016… È stato durante un campo vocazionale vissuto in toscana: lì la voce di Gesù si è fatta sentire forte e ho detto il mio Eccomi. Volevo entrare subito, ma ero ancora minorenne e allora ho serbato e custodito questo desiderio nel mio cuore per due anni.

T: È stato un percorso graduale. Lavoravo e il mio capo mi valorizzava con incarichi importanti, ero fidanzato con una brava ragazza, studiavo e l’università procedeva bene. Ma nonostante tutto questo mi sentivo a disagio, non ero “a posto così”. In quel momento, ha iniziato a farsi spazio in me la voce del Signore: andando nella comunità dei Padri e collaborando con loro nelle diverse iniziative ero felice, in pace, avevo trovato il mio posto.

 

LA PIÙ GRANDE CARITÀ È FORMARE UOMINI DI CARITÀ
L’Istituto dei Servi del Cuore Immacolato di Maria dedica particolare cura alla formazione umana, dottrinale e spirituale dei propri seminaristi.
Puoi contribuire a sostenere economicamente i nostri futuri sacerdoti adottando un seminarista.
Bonifico Bancario: Intesa Sanpaolo - IBAN: IT85Z0306909606100000010214 Istituto Servi del Cuore Immacolato di Maria - Causale: «Progetto adotta un seminarista»

 

COSA RITIENI INDISPENSABILE NELLA TUA GIORNATA? 
A COSA–CASCASSE IL MONDO- NON RINUNCERESTI MAI?

A: Indubbiamente la s. Messa quotidiana. Durante le restrizioni causa Coronavirus, ci sono stati dei giorni dove -pur potendo ricevere la s. Comunione tutti i giorni- non potevo partecipare alla Messa. Lì mi sono reso sempre più conto quanto fosse indispensabile per me.

J: Sicuramente l’adorazione eucaristica. Farla ogni giorno, tutti i giorni, è per me il vero pane quotidiano. È il momento della giornata dove puoi stare davanti a Gesù, guardarlo faccia a faccia e aprirgli il cuore. Il sentimento che ho è come di un amico che parla ad un altro amico. Mi aiuta anche leggere … come diceva s. Agostino “quando leggi, Dio parla con te; quando preghi, tu parli con Dio”.

T: La fede. Tutto i giorni chiedo a Dio la grazia di non perderla. Prima non è che non avevo fede, ma quasi… mi ricordo come ero triste, e non voglio perdere questo dono. Il credere in Dio per me adesso è tutto!

 

LA VERGINE MARIA PER TE È….

A: Madre. E Guida. La Madonna è stata fondamentale per il cammino di fede della mia famiglia. Abbiamo sperimentato l’amore materno di Maria, che tocca anche i cuori più distanti e tiepidi, pronta a prenderli e portarli a Gesù. La Vergine Maria ha “preso” e condotto per mano la mia famiglia, partendo da mia madre e poi coinvolgendo tutti noi.

J: La nostra Mamma, e Colei che ci porta a Gesù. Ho imparato ad avere tanta devozione e amore grazie anche al libro: “Le glorie di Maria” di s. Alfonso. Lui mostra bene come Ella sia un canale che ha come unico obiettivo di portarci a Gesù.

T: Da noi si dice spesso: Maria ci attrae attraverso il Suo profumo. La mia conversione è iniziata con dei giovani del Rinnovamento, animati da un grande amore verso Maria, mia mamma anche ha sempre nutrito una grande devozione. La devozione a Maria è per me qualcosa di famigliare. È stata la Vergine Maria in mezzo ad ogni mio passo della fede: conversione, entrata in seminario…

 

I SERVI DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA VIVONO LA LORO MISSIONE A SERVIZIO DELLA CHIESA, NELLA FCIM E PER LA FCIM. COSA TI COLPISCE DI PIÙ DEL MOVIMENTO?

A: Prima di tutto, la fedeltà al Carisma del Fondatore, la devozione mariana e l’essere a tutti gli effetti “famiglia”. La grande unione fra Servi, Serve e Laici è l’aspetto che più mi ha colpito. Oltre a questo, anche la devozione eucaristica, il rispetto e la fede nella celebrazione della s. Messa.

J: Due cose. Innanzitutto il fatto che lo Spirito del Movimento nasca dal messaggio di Fatima: è uno dei messaggi mariani per me più belli, ricchi e affascinanti. E poi proprio la realtà dell’essere famiglia: padri, suore e laici, insieme… è questo uno degli aspetti che più ha toccato la mia vocazione, il sentirsi in famiglia e l’essere famiglia.

T: In Brasile è molto forte la realtà giovanile della FCIM. C’è un grande coinvolgimento dei giovani: partecipano e sono missionari. Questo per me era bellissimo, il poter partecipare attivamente alla missione del Movimento, mi ha aiutato a sentirlo mio, ad appropriarmi di questa realtà.

 

SONO TANTI I SANTI CHE CI SEGNANO CON LA LORO ESPERIENZA E CI AIUTANO CON LA LORO INTERCESSIONE. MA SE DOVESSI SCEGLIERNE SOLO UNO COME SPECIALE COMPAGNO DI VIAGGIO, SCEGLIERESTI…

A: S. Giuseppe; sono state davvero tante le esperienze dove ho sentito forte la sua vicinanza. E poi per la sua umiltà e il nascondimento, che lo hanno reso un uomo secondo il cuore di Dio. Ha custodito la Madre di Dio, e la amata per primo.

J: S. Alfonso Maria de Liguori. Un vero compagno di viaggio, o di battaglia possiamo dire. L’ho conosciuto entrando in seminario e in questi anni ho letto molto suoi libri. Mi ha davvero accompagnato con i suoi preziosi consigli, dalla vita di seminario al rapporto con Dio, ho trovato in lui una vera e propria miniera di insegnamenti.

T: S. Agostino. Mi ha sempre colpito come ha certato la Verità sopra tutto. E ha trovato Dio, ha trovato nella fede la pienezza della Verità. Lo vorrei come compagno di viaggio perché mi deve spiegare un sacco di cose: ho tantissime domande da fargli….


LA RIVISTA PIÙ BELLA CHE HAI MAI LETTO (SE NON RISPONDI MARIA DI FATIMA BOICOTTO L’INTERVISTA…)

A: Senza dubbio il Maria di Fatima!

J: Ovvio, il Maria di Fatima! Articoli interessanti e grandi copertine!

T: Maria di Fatima!!!

 

***

per restare sempre aggiornato sulle attività della FAMIGLIA DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA,
iscriviti alla nostra newsletter, ma, soprattutto,
richiedi o abbonati alla nostra rivista MARIA DI FATIMA,
contattandoci al 06 66541875 (lun – ven 9.30-12.00)
o inviandoci una mail all’indirizzo: rivistamariadifatima@yahoo.it

 

in Evidenza

XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - Anno A - 25 ottobre 2020
LUCE SUL MIO CAMMINO - La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

"NON ABBIATE PAURA"
San Giovanni Paolo II ai giovani

Alla riscoperta del Carisma
Cronache dall’estate FCIM - Esercizi Spirituali Campania

La donna e la “VOCAZIONE FEMMINILE”
Edith Stein e l’evidenza che il corpo e l’anima della donna sono strutturati per un particolare scopo

CALENDARIO EVENTI

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Nulla sarà troppo elevato per Maria, per colei cui Dio de­ve la propria vita umana; nessuna grazia sarà eccessiva, nessuna gloria sarà esagerata. (Beato John Henry Newman)