MENU

NEWS

II DOMENICA DI AVVENTO - 04 dicembre 2022 - ANNO A

La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

Vangelo

Convertitevi: il regno dei cieli è vicino!

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 3,1-12)

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!».
E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all'ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: "Abbiamo Abramo per padre!". Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell'acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Parola del Signore.

 

Spunti di riflessione

In questa II Domenica di Avvento il Signore si presenta come portatore e operatore di salvezza per tutti gli uomini. Egli ci salva con un messaggio di riconciliazione a tutti i livelli: “personale”, con Dio e verso se stessi; e “sociale”, tra culture e identità diverse.

La seconda lettura, che presenta il messaggio finale della “Lettera ai Romani” (Rom15,4-13), parla della riconciliazione, avvenuta a Roma (caput mundi), tra cristiani che giungevano da diverse tradizioni culturali: ebrei convertiti al cristianesimo e persone provenienti dal mondo pagano.

Paolo pone tale riconciliazione come modello per tutte le diverse comunità cristiane; essa è segno di un cammino che va sempre fatto nella Chiesa tra credenti di diverse tradizioni: il mezzo della riconciliazione è sempre Cristo.

Vediamo ora il ragionamento di San Paolo. Egli insegna, in primo luogo, che la carità va praticata verso tutti, particolarmente verso coloro che sono i più “deboli nella fede” (ivi 15,1), senza giudicarci gli uni gli altri. Soprattutto è necessario “avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti di Cristo” affinché, con un cuore solo, possiamo essere con la nostra vita a lode e gloria del Padre (ivi v.5-6).

Per questo motivo l’esempio di Cristo è fondamentale per il nostro operare: Egli, vero Dio e perfetto Uomo, senza alcun difetto, ebbe compassione di tutte le miserie umane, compresa la colpa; e così, con il suo perdono e la sua misericordia, portò molti alla salvezza.

Con pazienza, costanza, fedeltà alla Legge, zelo santo per il Padre, amore infinito a tutte le anime, Egli fu esempio ai Pagani e ai Giudei per portarli alla figliolanza di Dio.

Pastore unico, eterno, universale, non raccoglie soltanto le pecore del suo Ovile (i buoni cattolici), ma anche “quelle che ne erano separate” (persone appartenenti a varie fedi e culture, v. Gv10,16), perché anche loro siano sotto la guida dell’unico Pastore e tutti diano gloria a Dio per la sua misericordia.

Così tutti possono glorificare Dio Padre, finalmente conosciuto, e il Figlio suo, e lo Spirito Santo, che da Essi procede; e tutti possono entrare a far parte del gregge di Cristo. Così si avverano le profezie, là dove è detto che Dio ha dato il suo Verbo perché fosse “alleanza fra tutti i popoli” (v. Isaia), introdotti nel vero Ovile, la Chiesa di Cristo.

Segue la stessa logica S. Giovanni Battista (Vangelo), quando grida: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!» (Mt3,1). E: «preparate la via al Signore che viene!» Vedendo venire al suo Battesimo di conversione persone non motivate da sentimenti sinceri, afferma che il Messia ha in mano lo strumento per dividere il buon grano dalla pula (cioè dalla falsità).

Questo ha operato il Signore per salvare ogni uomo, decaduto per colpa di Adamo. Ha portato la Luce e la Legge a tutti, ha dato doni soprannaturali per aiutare l’uomo a seguire la legge dello spirito che lo “soprannaturalizza”, portandolo da essere ragionevole a creatura divinizzata. Questo era, nel pensiero di Dio, il destino di tutti gli uomini. E vita avranno quanti, di ogni epoca e nazione, avranno amato il Cristo, causa per loro di salvezza eterna.

Il Vangelo di oggi, infine, ci ammonisce salutarmente con il suo ultimo versetto: ci insegna che il giudizio, positivo o negativo sulla nostra vita, lo prepariamo noi stessi. Il “fuoco inestinguibile” (Mt3,12) distruggerà ciò che è solo religiosità falsa e affettata, perché non fondato sulla “sapienza che viene dall’alto” (cf. la preghiera di colletta, quella recitata dal Sacerdote all’inizio della Messa).

 

 

in Evidenza

IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - 29 gennaio 2023 - ANNO A
La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

“Vivere in pienezza l’AZIONE LITURGICA”
Udienza ai partecipanti al corso del Pontificio Istituto S. Anselmo per responsabili diocesani delle celebrazioni liturgiche, 20.01.2023

DUE SUPER-NONNI SPECIALI
Un seminarista ci racconta i suoi nonni

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

ADORAÇÃO EUCARISTICA QUINTA-FEIRA
Rezamos pelas vocações sacerdotais e religiosas

primeira-sexta-feria
"Quero abandonar-me no Coração de Jesus como um menino que repousa no coração da mãe"

PRIMO SABATO DEL MESE
Per consolare il Cuore Immacolato di Maria

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Tutti quelli che conoscono la bontà di Dio non tralascino mai di celebrare le divine lodi. (San Giovanni Fisher)