MENU

NEWS

La RIPARAZIONE: Partecipazione alla Redenzione operata da CRISTO

di Suor M. Giacinta Magnanimi icms

Nella sua forma classica – fatta propria dal Magistero della Chiesa – la Riparazione può essere così riassunta: è l’amore reso al Cuore di Cristo, nell’intento di “risarcirlo” delle ingratitudini e dei peccati con cui viene dolorosamente offeso. Emerge, da questa definizione, la portata del peccato come offesa rivolta a Dio; ma, allo stesso tempo, affiora un elemento di grande rilievo, vale a dire la conversione dei peccatori.

Il sacrificio di Cristo ha già espiato tutti i peccati; ma, misteriosamente, prosegue la sua opera efficace nell’Eucaristia, richiedendo la collaborazione riparatrice da parte di tutti noi. In questo senso, non solo i Sacerdoti ordinati, ma tutti i fedeli, che offrono la loro vita a Cristo, partecipano del Sacerdozio di Cristo.

Si può definire la Riparazione anche come la possibilità, concessa a ciascuno di noi, di credere e amare, in qualche misura, al posto di un altro e a sua salvezza. È il concetto della sostituzione e della solidarietà, vissute da Gesù Cristo dall’Incarnazione alla morte di Croce e che interpella anche noi, in virtù del nostro Battesimo.

Ciò che è importante comprendere – proprio perché la Riparazione non rimanga una semplice e superficiale devozione richiesta a pochi – è che essa rientra nel cammino della vita cristiana, come imitazione e sequela di Cristo.

La spiritualità riparatrice mira ad educare i cristiani a lasciarsi coinvolgere dal grande movimento d’amore oblativo che ha guidato Gesù durante la sua esistenza terrena e nella sua Passione.

In questo senso, la Riparazione appare principalmente come una risposta all’amore di Dio che si è riversato nel Cristo, crocifisso e risorto. La croce è il segno di quanto Dio ci ha amati: Dio ci ha amati e ci ama di un amore infinito, un amore che non è riamato, anzi è continuamente offeso dai peccati dell’umanità. Il cammino del cristiano è una continua lotta contro il peccato, per recuperare la comunione con il Signore.

Il peccato va considerato una mancanza di amore, rottura della comunione con il Signore; la Riparazione diventa quindi una risposta d’amore.

Il dinamismo della Riparazione comporta, inoltre, un interesse d’amore verso i peccatori. Gesù ha operato la Redenzione non solo a favore degli uomini, ma anche a nome loro: cosicché il suo amore riparatore è stato universale, per tutti. Il cristiano anche in questo segue Cristo, il quale ha aperto ad ogni fedele la possibilità di una solidarietà con i suoi fratelli, membra dello stesso Corpo Mistico, per la loro salvezza. In questo modo, la fecondità del Capo viene partecipata anche alle membra: esse possono influire salvificamente le une sulle altre. Questo atteggiamento del cristiano ha una duplice valenza: la salvezza dei peccatori e la consolazione di Dio, offeso dal peccato.

 La Chiesa condivide la spiritualità riparatrice di Cristo, la condivide, in nome della sua solidarietà con Lui e della sua sequela. Inoltre, come la Riparazione di Cristo, anche quella della Chiesa è salvifica, cioè a vantaggio del mondo peccatore e in suo nome. La Riparazione è cooperazione attiva dell’uomo con Dio in ordine alla sua salvezza[1].

Un’ultima considerazione, circa la partecipazione alla Redenzione di Cristo: come Gesù ha offerto tutta la propria esistenza terrena per la salvezza dell’umanità peccatrice, così anche i fedeli partecipano alla Redenzione unendo la propria vita a quella di Gesù, facendone un sacrificio a Dio gradito. Tutto può diventare occasione di offerta a Dio, come riparazione: la preghiera, le penitenze, le sofferenze, le contrarietà, il lavoro, il proprio dovere compiuto con amore …

A tutte queste considerazioni quanti fedeli volgeranno piamente l’animo, accesi d’amore per Cristo sofferente, non potranno non espiare le proprie e le altrui colpe con maggiore impegno, risarcire l’onore di Cristo, promuovere l’eterna salvezza delle anime […] Poiché, se qualcuno va con amore fra sé ripensando a quanto sin qui abbiamo ricordato e, per così dire, se lo ha impresso nell’intimo del cuore, dovrà senza dubbio non solo aborrire ogni peccato come sommo male e fuggirlo, ma tutto offrirsi alla volontà di Dio e adoperarsi a risarcire l’onore leso della Divina Maestà con l’assidua preghiera, con l’uso di volontarie penitenze e con la paziente sofferenza di quelle prove che incontrerà; infine: con la vita tutta, condotta secondo questo spirito di riparazione[2].

 

 

[1] Cf. Duci f., Partecipi dell’offerta di Cristo, in AA.VV.  Spiritualità oblativa riparatrice, EDB, Bologna 1989, pp.142-149.

[2] Pio XI, Lettera enciclica Miserentissimus Redemptor, Op. Cit.

 

in Evidenza

VERGINE MADRE
La DONNA che fece nascere la CHIESA e si chiamò MA-DONNA

VI DOMENICA DI PASQUA - 22 Maggio 2022 - ANNO C
La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

adoraco-eucaristica
Rezamos pelas vocações sacerdotais e religiosas

CATECHESI FCIM VILLA TROILI
Tema: "La professione della Fede prima parte del CCC"

retiro-das-familias
Encontro mensal para as famílias. Tempo fundamental para o próprio caminho com Deus.

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Coltiva l'intimità con lo Spirito Santo — il Grande Sconosciuto — perché è Lui che ti deve santificare. (San Josemaría Escrivá)