MENU

NEWS

Madre di Dio e Madre nostra

di P. Mario Piatti icms

In un prefazio, del tempo di Avvento, si diceva – riferendosi alla Vergine Maria – che in Lei, Madre di tutti gli uomini, la maternità, redenta dal peccato, si apre al dono della vita nuova: queste espressioni sono una mirabile sintesi della sua missione.

Ella ci ha donato la Vita, l’autore stesso della Vita.  Ella è Madre di Dio: così è salutata da Elisabetta, quale “Madre del mio Signore” e tale verrà ufficialmente dichiarata al Concilio di Efeso, nel 431. Se è Madre del Signore, è anche Madre nostra, per quel legame inscindibile che esiste tra Dio e l’uomo.

Già a livello creaturale siamo fatti “a immagine” di Dio; a livello redentivo, poi, Cristo Gesù, venendo nel mondo, “tocca” il cuore di ogni creatura umana (nel Prologo del Vangelo di Giovanni si afferma che: il Verbo illumina ogni uomo che viene nel mondo). La maternità, associata – per il peccato di origine – al travaglio del parto, si apre inaspettatamente al dono di una “Vita Nuova”, al dono dell’Autore stesso della Vita.

Se è vera Madre di Dio, Ella può dunque impetrarci tutte le Grazie che ci sono necessarie. Ci dona la Vita, quando la Vita si spegne: per questo la invochiamo perché ci assista “ora e nell’ora della nostra morte”.

Quando il peccato regna su di noi, ci propizia e ci ottiene la Misericordia del Figlio.

Ella fa trionfare la Vita nei momenti più bui: nella prova, nella tentazione, nello scoraggiamento…

Quando l’orgoglio e il rancore ci fanno chiudere in noi stessi, la sua dolcezza materna vince le nostre resistenze e riapre il nostro cuore a Dio e al prossimo.

Quando la presunzione ci fa credere migliori degli altri, la sua ineguagliabile umiltà ci “ridimensiona” e ci aiuta ad accettare i nostri limiti e a superarli, nella vera carità.

Maria Santissima non ci manda mai via “a mani vuote”: è autentica Madre, che intende elargire tutte le grazie che ci occorrono, in abbondanza. Occorre che fiduciosamente e costantemente le imploriamo da Lei.

Ella ci coinvolge nel suo desiderio di amare, di offrire, di donare, di riparare. Vivendo perfettamente immersa nella Volontà di Dio, assimila le anime a sé, al suo “gusto” per il Bene: ci vuole suoi primi e generosi “collaboratori” nell’opera universale di salvezza.

Il suo Cuore Immacolato è la “via preferenziale” che ci conduce a Dio, come Lei stessa ha affermato, a Fatima: “Il mio Cuore – disse rivolgendosi a Lucia – sarà il tuo rifugio e la via che ti condurrà a Dio”. Non esiste via più sicura da percorrere, per giungere a Dio; non vi è cammino più diretto e più semplice, per arrivare alla meta; non vi è sguardo più attento e premuroso che possa accompagnarci, in mezzo alle vicissitudini quotidiane.

La ripetizione “litanica” dell’Ave Maria, per cinquanta volte, durante la recita del Rosario, non fa che introdurci, sempre di più, nel mistero di quel Cuore, ottenendoci la forza per affrontare le tante insidiose incognite della vita.

Il Rosario è “pesante”, noioso, “antiquato” solo per chi non lo conosce, solo per chi non lo pratica e non lo ama. Non vi è mezzo migliore per consegnare la vita al Signore, per disporci a partecipare all’Eucaristia, per prepararci alla Confessione; per ricordare il volto, i problemi e i drammi delle persone che amiamo.

Fatima è rinnovata scuola di luce, di Grazia, di cristiana letizia, attinte alla sorgente inesauribile del Cuore Immacolato, “fontana vivace” di speranza e di gioia.

Alla Cova da Iria ancora una volta il Signore ce lo conferma: abbiamo una Madre che ci ama e che ci accompagna, lungo i sentieri del tempo, verso la meta: il Cielo.

 

   

in Evidenza

Ragazzi: pronti per una 3 giorni a Roma?
Per i ragazzi delle superiori

XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - 02 ottobre 2022 - ANNO C
La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

La devozione riparatrice dei "PRIMI CINQUE SABATI DEL MESE"
Meditando i misteri luminosi consoliamo il Cuore Immacolato di Maria

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

primeira-sexta-feria
"Quero abandonar-me no Coração de Jesus como um menino que repousa no coração da mãe"

Catechesi di Base Cristiana
Siate pronti a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi!

catequese-fcim
O Catecismo da Igreja Católica explicado pelos Servos e Servas do Coração Imaculado de Maria

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Il Rosario si pone nella migliore e più collaudata tradizione della contemplazione cristiana. (San Giovanni Paolo II)