MENU

NEWS

SALVE, REGINA DEI CIELI

Di Sr. M. Leonarda Innocente icms

Nel cuore dell'estate abbiamo la gioia di festeggiare la regalità di Maria Santissima. Lei, “vestita di Sole, con la luna sotto i suoi piedi” (Ap 12,1), porta sul capo una corona di dodici stelle, come a dire che la sua bellezza va al di là di tutto ciò che possiamo ammirare nell’immensità dell’universo che ci circonda, va al di là della bellezza di un’aurora, di un tramonto, di un cielo stellato; ma anche per significare che Ella ne è l’apice, l'espressione massima, e domina su di esso; ma ancora più desidera regnare in noi, Suoi figli.

L’uomo, invece, sembra vivere in un continuo tentativo di affermare la propria sovranità su tutto e su tutti, in una ricerca egoistica di potere, di prestigio personale, in una sorta di delirio di onnipotenza. È vero: egli è fatto a immagine e somiglianza di Dio e perciò collabora alla Sua opera creatrice, quale custode e signore del creato. Ma questo suo dominio ha senso e porta frutto solo nella misura in cui è esercitato secondo il disegno di Dio, disegno nel quale l'uomo è chiamato a riconoscere la propria piccolezza, e -forse ciò che è più difficile- la propria esistenziale dipendenza dall'Amore di Dio. È chiamato, cioè, ad aprire gli occhi del cuore, per guardare all’immensità di un progetto che lo supera, andando al di là di ogni immaginazione, lasciando a bocca aperta chiunque lo contempli con sincerità. Forse è proprio cercando di negare questa radicale dipendenza, che l’uomo tenta di dimostrare in tutti i modi la propria autonomia, la sua capacità di “fare da solo”.

Maria in questo ci è Madre e ci è Maestra: Lei, che ha “magnificato” il Signore, ha gioito in Lui, senza paura di apparire povera agli occhi Suoi, senza paura di “fare brutta figura”, ma, al contrario, sottolineando proprio la Sua “umiltà”, cioè la sproporzione tra la grandezza di Dio e la piccolezza della Sua “serva”, fra il Creatore e la Sua creatura. Egli ha potuto riempirla della Sua Grazia proprio a motivo dell'umiltà, l’ha resa grande proprio perché Lei non ha cercato di apparire tale, non ha accampato diritti od ostentato meriti, sebbene nessun’altra creatura al mondo possa paragonarsi a Lei.

Onoriamo Maria in questa Sua festa vivendo noi per primi da figli, dandole il permesso di regnare nel nostro cuore, nella nostra vita. Rendendola padrona di ciò che siamo e di ciò che abbiamo, dandole piena potestà su tutto questo, cosicché lo possa amministrare secondo la Santa Volontà di Dio, della quale è un’esperta conoscitrice. Ella ci guiderà sapientemente nelle vie dello Spirito, conducendoci in breve tempo dove molti giungono solo dopo lunga fatica, e plasmando il nostro cuore così da renderlo santo come piace a Dio.

“Maria è regina degli Angeli e dei Santi. Per ricompensa della Sua profonda umiltà Dio le diede il potere e l'incarico di riempire di Santi i troni vuoti, dai quali decaddero per superbia gli Angeli apostati. Tale è la Volontà dell’Altissimo -il Quale esalta gli umili- che Cielo, Terra ed abissi, si pieghino ai comandi dell’umile Maria, da Lui costituita sovrana del Cielo e della Terra, tesoriera dei Suoi tesori, dispensatrice delle Sue grazie, operatrice delle Sue grandi meraviglie; riparatrice del genere umano, mediatrice degli uomini e fedele compagna delle Sue grandezze e dei Suoi trionfi”. (San Luigi Maria Grignon de Monfort)

Consegniamo, allora, a questa amabile Regina le chiavi della nostra volontà, perché possa operare liberamente in noi le meraviglie che il Signore ha in serbo per la nostra vita. Anche noi diventeremo, così, dei fari luminosi con i quali Dio illumina il cammino dei nostri fratelli affinché raggiungano Lui, riconoscendo in noi il Volto Suo che li cerca da sempre con infinito Amore. Collaboriamo al trionfo del Cuore Immacolato di Maria, lasciandola trionfare in noi, facendo della nostra vita una lode a Lei, un dito puntato verso la Sua vita, verso quei tesori che Dio ha posto in Lei per noi, per il nostro bene, perché noi vi potessimo attingere, perché vi potessimo trovare rifugio e conforto per la nostra anima.

 

 

in Evidenza

La differenza sessuale per la relazione
La differenza è una grande scuola: si tratta di imparare l’io attraverso l’altro e l’altro attraverso l’io.

Estate, tempo per l'anima
Ad Asiago, giorni di comunione e preghiera per i laici di Monte Grisa (Trieste)

"Mandami qualcuno da amare"
Una preghiera di Madre Teresa

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - Anno A - 20 settembre 2020
LUCE SUL MIO CAMMINO - La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

DA SCHIAVA DI SATANA A FIGLIA DI DIO
L'INCREDIBILE STORIA DI MARIANGELA CALCAGNO

PRIMO SABATO DEL MESE
Per consolare il Cuore Immacolato di Maria

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Cerchiamo di compiere il nostro dovere così come si presenta; questo è il segreto della vera fede e della pace. (B. John Henry Newman)