MENU

NEWS

SAN GIOVANNI MARIA VIANNEY

Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti (cfr 1 Cor 1,27).

Ho visto Dio in un uomo

di p. Alberto Galassi icms

 

Dio ha sempre portato avanti i suoi disegni di misericordia con i piccoli, gli umili, i semplici, con coloro che si sono sempre resi strumenti docili nelle sue mani, lasciandosi trasformare dall’azione divina del suo Spirito, per renderli una copia viva di Lui.

“Ho visto Dio in un uomo!”: questo fu l’appunto che fece un avvocato ateo che si era recato ad Ars pensando, con la sua scienza, di screditare quel sacerdote dinanzi a tutti. Ma il Curato d’Ars possedeva un’altra scienza, quella che gli veniva dall’alto, alla quale solo pochi accedono: "Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli (cfr Mt 11,25).

Nonostante faticasse negli studi fino a divenire lo scherno dei suoi compagni che lo ritenevano un asino, per questa scienza che gli veniva dall’alto, diventerà il modello dei sacerdoti, il loro patrono. Fanno eco, alla sua vita, le parole di Santa Bernadetta, che diceva: “Se sulla terra fosse esistita una bambina più ignorante di me la Santa Vergine avrebbe scelto lei.”

Come apprese questa scienza Giovanni Maria Vianney?

Per prima cosa facendosi docile agli impulsi e alle ispirazioni della Grazia, e ad esse corrispondendo, permettendo che lo Spirito Santo che agiva in Lui, modellasse il suo cuore al Cuore sacerdotale di Gesù. Il curato dirà:Il sacerdote è l’amore del Cuore di Gesù”.

Di vitale importanza poi è stata la presenza assidua di Maria Santissima nella sua vita; sin dalla tenera età, aiutato dalla sua mamma, nutrì una devozione speciale per la Madonna alla quale sempre ricorrerà come un bambino, che nutre nei confronti di sua mamma una fiducia immensa. Nella basilica di Ars c’è un bel quadro che ritrae il bambino Giovanni di appena quattro anni inginocchiato tra due mucche nella stalla, con le mani giunte, che prega dinanzi ad una statuetta della Madonna che da poco gli avevano regalato. Nel ricordare questo episodio soleva dire ai suoi parrocchiani: “La Santa Vergine fu il mio primo amore: l’ho amata ancora prima di conoscerla. È il mio affetto più vecchio”. Al suo Cuore, il Curato d’Ars, consacrerà tutte le famiglie della sua parrocchia.

Ars era una piccola frazione, di appena 200 persone sperduta nelle lande della Dombes, dove la fede e i costumi della gente, risentiva molto dell’azione devastante della Rivoluzione Francese. “Non c’è molto amore di Dio in questa parrocchia; voi ce ne porterete". Così gli fu presentata la sua nuova parrocchia dal vicario generale della Diocesi di Lione.

Il suo desiderio di guadagnare anime al Signore, non lo fece perdere di animo. In uno slancio generoso, proprio dei santi, nel prendere possesso della sua parrocchia si offrì al Signore dicendogli: “Mio Dio accordatemi la conversione della mia parrocchia; accetto di soffrire tutto quello che vorrete, per tutto il tempo della mia vita”.

Non erano solo parole; sapeva molto bene, che per guadagnare anime a Dio, il cammino da intraprendere era quello segnato dal suo Maestro, quello della preghiera e della penitenza. Sono questi gli strumenti con i quali i cuori degli uomini vengono preparati e sono ben disposti ad accogliere la Parola di Dio, perché questa porti frutti di vera conversione. Come intendeva bene questo il Curato d’Ars, al quale, un altro santo, quasi due secoli dopo, san Giovanni Paolo II, volle richiamarsi: “Se c'è una tentazione che da sempre insidia ogni cammino spirituale e la stessa azione pastorale, è quella di pensare che i risultati dipendono dalla nostra capacità di fare e di programmare. Guai dimenticare che senza Cristo non possiamo fare nulla. La preghiera ci fa vivere appunto in questa verità. Essa ci ricorda costantemente il primato di Cristo e in rapporto a Lui il primato della vita interiore e della santità. Quando questo principio non è rispettato facciamo l’esperienza dei discepoli nell'episodio evangelico della pesca miracolosa: abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla”.

Arrivando nella sua piccola parrocchia, e costatando come la povertà spirituale imperversava nei cuori dei suoi parrocchiani, trascinandoli sulle vie
del peccato, per prima cosa cercò di dar lustro alla casa di Dio, spogliando sé stesso e la sua canonica di qualsiasi conforto e ricchezza, a beneficio del tempio di Dio.  Una volta fatto questo, volle lui stesso essere quella lampada accesa che si colloca innanzi al Tabernacolo per essere di richiamo alla presenza reale del Buon Dio. Passava pertanto lunghe ore dinanzi al tabernacolo, giorno e notte, adorando e amando il Buon Dio, e battendo alla porta del Suo Cuore, supplicando la sua conversione e la conversione dei suoi parrocchiani. Sapeva che tutto dipende dal buon Dio e, pertanto, non esitava a far con il Buon Dio quello che fece la vedova del Vangelo, che continuamente si dirigeva dal giudice, fino a divenire importuna, perché gli fosse fatta giustizia. L’Eucarestia diverrà davvero il centro della sua vita spirituale e della sua pastorale.

Quando ai suoi parrocchiani parlava dell’Eucarestia, il suo volto sempre si illuminava, si irraggiava e il suo cuore si infiammava di amore e con le
lacrime agli occhi nelle omelie si dirigeva loro dicendo: “Non c’è bisogno di parlare molto per ben pregare; si sa che il buon Dio è là, nel santo tabernacolo; gli si apre il cuore, ci si rallegra della sua presenza. È questa la migliore preghiera! È la Colui che ci ama! Perché non lo dovremmo amare noi!”.

Ma il Curato d’Ars sapeva molto bene come la preghiera senza la penitenza è come una pianta che non ha concime per crescere bene. Sull’esempio del suo Maestro e dei santi, vedeva nella Croce il grande mezzo soprannaturale per cooperare alla salvezza delle anime che gli erano affidate. Abbracciò sin dall’inizio la croce delle sue - come le chiamava lui - pazzie giovanili: quella delle penitenze corporali, come i digiuni estenuanti, le discipline e i cilizi, abbracciando poi in seguito, la croce, non meno pesante, che il Signore stesso gli pose sulle sue spalle: quella delle umiliazioni, delle incomprensioni e invidie degli altri parroci. Soprattutto abbracciò la croce di vedersi seppellito in un confessionale per ore e ore (fino a 15 ore al giorno) ad ascoltare i peccati, non solo dei suoi parrocchiani, ma anche di tutte quelle anime, che da ogni parte della Francia andavano ad Ars, richiamate dalla presenza di un uomo, che portava i lineamenti di Dio: “Ho visto Dio in un uomo!”.

 

 

in Evidenza

La differenza sessuale per la relazione
La differenza è una grande scuola: si tratta di imparare l’io attraverso l’altro e l’altro attraverso l’io.

Estate, tempo per l'anima
Ad Asiago, giorni di comunione e preghiera per i laici di Monte Grisa (Trieste)

"Mandami qualcuno da amare"
Una preghiera di Madre Teresa

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - Anno A - 20 settembre 2020
LUCE SUL MIO CAMMINO - La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

DA SCHIAVA DI SATANA A FIGLIA DI DIO
L'INCREDIBILE STORIA DI MARIANGELA CALCAGNO

PRIMO SABATO DEL MESE
Per consolare il Cuore Immacolato di Maria

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Cerchiamo di compiere il nostro dovere così come si presenta; questo è il segreto della vera fede e della pace. (B. John Henry Newman)