MENU

NEWS

SAN GIUSEPPE, amante della Povertà

di Roberto Utzeri

Della maggior parte dei Santi sappiamo tutto - o quasi - circa “vita, morte e miracoli”. San Giuseppe è sicuramente un’eccezione; ma, forse, proprio questo ci consente di approfondire nella meditazione le sue virtù, alcune delle quali ricordiamo e recitiamo nelle litanie a lui dedicate. Ad esempio: l’invocazione a San Giuseppe come “amante della povertà” invita ad un’attenta riflessione.

Amante della povertà … La povertà indica una carenza di risorse, una scarsità normalmente riferita a qualcosa di materiale, all’opposto della quale vi è abbondanza e quindi ricchezza. Ebbene, San Giuseppe desidera essere povero, perché egli, in realtà, aveva tutto: aveva Dio con sé, materialmente (ne è stato il padre putativo) e spiritualmente; non aveva, dunque, bisogno di nient’altro e non poteva volere nient’altro se non la Ricchezza Massima che potesse desiderare, cioè la Presenza di Dio nella propria vita e, contestualmente, amare l’assenza di qualsiasi cosa potesse separarlo da Lui.

Amante della povertà … Egli aveva sicuramente capito che la povertà è uno strumento per raggiungere la ricchezza che viene da Dio: una ricchezza tutta spirituale, ma che è anche soddisfazione delle esigenze materiali, perché chi nulla ha, tutto possiede, in quanto sarà sempre prodiga per lui l’azione della Provvidenza. San Giuseppe, quindi, non poteva che amare la povertà materiale, ma anche la vera “povertà spirituale”, cioè quella spinta allo svuotamento di sé che lo aveva reso un uomo giusto, a cui la Sapienza si rivolgeva con confidenza: infatti al Giusto parla la Sapienza.

Amante della povertà … L’amore per la Povertà, che ha nutrito San Giuseppe, quindi, è stato quel desiderio e quella capacità di accogliere Dio, riconoscendo la profonda nullità di sé, come creatura; confessando il proprio vuoto umano davanti alla ricchezza dell’Amore Divino. Amare la povertà è stata una continua ricerca di umiltà, di distacco, di vuoto interiore, di rinuncia ad ogni atteggiamento di autosufficienza o vanagloria, per dare spazio unicamente alla presenza di Dio.

Egli, dunque, ha saputo respingere la bramosia di una sedicente ricchezza, tutta umana, che si sarebbe materializzata in ogni forma di concupiscenza, di orgoglio, di affermazione del proprio “io”; e, quindi, di chiusura a Dio ed al prossimo.

Amare la povertà … anche noi, se poveri materialmente, possiamo non esserlo spiritualmente, perché orgogliosi e superbi e chiusi alla Grazia di Dio; solo riconoscendo la nostra miseria possiamo arricchirci della Presenza di Dio nella nostra vita,

Al contrario, possiamo anche essere ricchi materialmente, ma comunque poveri nello spirito - perché aperti a Dio ed al prossimo - condividendo in piena solidarietà, con i meno abbienti, i nostri beni e dando, quindi, un senso evangelico alle nostre “ricchezze”, avute - non dimentichiamolo! - per volere di Dio, che anche attraverso di esse vuole santificarci.

 

Dal Salmo 24 (25)

“Buono e retto è il Signore,

guida i poveri secondo giustizia,

insegna ai poveri la sua via”.

 

 

 

in Evidenza

La MATERNITÀ secondo lo spirito
Ogni donna deve essere madre in senso spirituale. Alcune donne, però, lo diventano per vocazione, proprio attraverso la rinuncia al matrimonio e alla maternità fisica

II DOMENICA DI PASQUA o della DIVINA MISERICORDIA - 11 aprile 2021 - ANNO B
La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

SANTA GEMMA GALGANI
Una “Gemma” per Dio: dalle Sue piaghe sboccia il fiore più bello

L’invincibile forza della Croce
Editoriale del Maria di Fatima – Aprile 2021

CALENDARIO EVENTI

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Maria, Madre di Misericordia, fa' che manteniamo sempre viva la fiducia nel tuo Figlio, nostro Redentore. (San Giovanni Paolo II)