MENU

NEWS

Sotto il manto di Maria – 2° parte

Cosa? Entri in convento?!?

A cura di p. Davide Gilioli icms

(estratto dal MARIA DI FATIMA - n°4, Maggio 2021)

… scopriamo insieme l’ultima parte dell’intervista fatta alle nostre ragazze in formazione.

(Se ti fossi perso la prima parte, rimedia subito cliccando qui!)

 

-SECONDA PARTE-

 

OLTRE A LEGGERE IL MARIA DI FATIMA,
QUALE È IL MOMENTO PREFERITO DELLA TUA GIORNATA?

Camilla: La s. Messa, perché è il momento in cui posso, insieme alla Madonna, mettere sull’altare tutte le offerte, le preghiere, le gioie e anche le sofferenze (quando ci sono) della giornata. Quello è proprio il centro di tutta la mia giornata.

Chiara: C’è un momento della nostra giornata detto ricreazione, ovvero il momento di fraternità e condivisione che viviamo insieme con le suore, che è l’occasione per stare insieme, per parlare, per scherzare, per condividere…insomma è un momento di fraternità davvero bello. Quello che a me piace è vedere come si può stare insieme in semplicità; questo mi aiuta anche a capire sempre di più che è nelle cose semplici che Dio si manifesta.

Eva: Sicuramente la S. Messa! Però, mi aiutano tanto e amo molto anche i momenti di silenzio che viviamo quotidianamente in convento. Ho sempre cercato il silenzio, in quei momenti ritrovo forte l’incontro con il Signore, lì siamo io e Lui ed è proprio lì che il Signore mi insegna ad amare, rendendo il mio cuore sempre più aperto agli altri.

 

“… NON C’È NESSUNO CHE ABBIA LASCIATO TUTTO PER IL VANGELO
E NON RICEVA GIÀ, ORA, CENTO VOLTE TANTO”
RACCONTACI UNA PARTE DI QUEL CENTUPLO PROMESSO E DATO DAL SIGNORE…

C: Credo che sia proprio il fatto di conoscere il Signore e di amarlo di più.  Più ci si dona a Lui, più Lui si lascia conoscere e attraverso questa conoscenza, lo si ama ancora di più. E amare il Signore è ciò che riempie il cuore. In particolare, per me, in questi mesi è bello imparare a conoscere il Signore attraverso il conoscere e amare la Madonna. Lei veramente è la via più semplice. Ecco, per me il centuplo è stato il conoscere questa semplice via di Maria, per arrivare a Gesù.

Ch: Sicuramente il dono più grande che sto ricevendo è il dono della fede. Io ripenso alla fede che avevo un anno fa, o due anni fa, e non è quella che il Signore mi sta donando adesso: ora sto scoprendo un rapporto nuovo con Lui. È questo il dono che mi ha fatto e che mi sta facendo. Io dico sempre: Gesù, tu sei il mio migliore amico, quindi con Lui parlo di tutto quello che mi succede e questa per me è una cosa bellissima.

E: In realtà, è sempre una scoperta: ogni giorno è sempre più bello perché c’è Lui, vedo il centuplo proprio nel momento presente, nel poterlo vivere con il Signore. Poi ci sono stati momenti particolari di uscite e di pellegrinaggi, i momenti di preghiera nei luoghi centrali del Carisma che sono stati momenti di grazia grandissimi.

 

SOSTIENI UNA VOCAZIONE: Renditi strumento nelle mani Dio con la cura spirituale e materiale delle vocazioni:
Conto Corrente intestato a “Associazione Pubblica di Fedeli Serve del Cuore Immacolato di Maria”
IBAN: IT19D0103037810000001856668 - Causale: “Sostieni una vocazione”

 

QUALE È STATA LA CROCE O LA DIFFICOLTÀ PIÙ GRANDE INCONTRATA
IN QUESTA SCELTA FINORA?

C: Forse la difficoltà più grande è stata la vita comunitaria. Prima di entrare in convento io sono stata un anno a Perugia, a studiare veterinaria, e lì vivevo da sola. Ritrovarmi, da un momento all’altro, invece, a vivere in una comunità, con ancora più persone che in una famiglia normale… per me questa è stata, credo, la difficoltà più grande, superata poi con l’aiuto delle consorelle: è stata la comunità stessa che mi ha aiutata in questo.

Ch: La cosa più difficile è stata abbandonare i miei progetti, perché io più o meno avevo quasi tutto chiaro quello che volevo fare. Volevo provare un’esperienza universitaria, studiare logopedia... Poi in quel periodo frequentavo anche il movimento dei focolari. La cosa che mi è costata di più è stato veder cadere giù un po’ tutto questo. Ma il Signore ha una grazia per tutto, Lui ti guida passo dopo passo, e poi è bello donare qualcosa a Dio.

 

E: Diciamo che ogni giorno, ovviamente, ha una sua difficoltà, però, forse anche perché sono figlia unica, la croce più grande è stato il distacco dalla famiglia. Ma è come dice il Signore: “il mio giogo è leggero”, la famiglia mi manca è vero, ma in Lui riesco a vivere questo distacco, in un continuo affidarmi. Un grande aiuto è arrivato dalla Madonna: con l’atto di affidamento si è fatta strada nella famiglia, aiutandoci e sostenendoci in questo distacco, rendendo anche più bello e pieno il rapporto fra di noi.

 

QUAL È IL BRANO DELLA SACRA SCRITTURA CHE HAI PIÙ A CUORE?

C: Quello delle nozze di Cana, quando Maria dice: “fate quello che vi dirà”. Infatti queste parole mi ricordano sempre che il segreto per trovare la pienezza e la felicità in ogni circostanza della vita è quello di fare semplicemente ciò che Gesù mi chiede passo dopo passo, cioè vivere come a Lui piace, secondo i Suoi comandamenti, amando Dio e il prossimo.

Ch: Mi piacciono tanto le beatitudini. Penso che siano un po’ il programma di ogni cristiano. È come se Gesù dicesse: vedi che se tu vivi queste cose, io non ti tolgo niente; anzi tu sarai beato, sarai felice. Certo è difficile, perché ci sei sempre tu, la tua umanità, il tuo carattere… però, io le leggo proprio come un invito di Gesù che ti dice: “guarda che queste cose le ho vissute prima io, quindi se te le dico significa che ti portano a qualcosa di grande”. In particolare amo due beatitudini: “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia” e “beati i puri di cuore perché vedranno Dio”

E: Sono due: quando Maria di Magdala rompe la bottiglietta di olio profumato, lava i piedi di Gesù e li asciuga con i suoi capelli, e il brano nel quale si narra di Maria di Magdala quando va al sepolcro e cerca il Signore, ma non lo trova… è lì che le chiedono: “donna chi cerchi?”, proprio questa domanda è stata fondamentale anche nei giorni che ho vissuto a Fatima, abbiamo iniziato il pellegrinaggio con questa Parola e per me è stata decisiva.

 

***

 Per ricevere una copia omaggio della Rivista Maria di Fatima,
abbonarsirinnovare l’abbonamento o qualsiasi informazione,
contattaci al 06 66541875 (lun – ven 9.30-12.00),
o inviaci una mail all’indirizzo: rivista@mariadifatima.it

 

 

in Evidenza

V DOMENICA DI PASQUA - 15 Maggio 2022 - ANNO C
La Parola di Dio commentata ogni settimana dai Servi e dalle Serve del Cuore Immacolato di Maria

FATIMA, Luz e Paz
La Cova da Iria, la "Valle della Pace"

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

retiro-jovens
Vem e vê!!!

adoraco-eucaristica
Rezamos pelas vocações sacerdotais e religiosas

CATECHESI FCIM VILLA TROILI
Tema: "La professione della Fede prima parte del CCC"

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Il Rosario è, da sempre, preghiera della famiglia e per la famiglia. (San Giovanni Paolo II)